Eccheccazzo…

Sto da ore qui fermo come un bambino disperso in questo posto assurdo da dove decollano i mostri alati e comincio a chiedermi perchè… perchè è così necessario andare dove sto andando per liberarmi di quel mondo offuscato, di quel nulla nel quale ogni giorno vivo? Mi chiedo perchè, anziché essere felice di potermene allontanare per un po’ e riprendere fiato, come se vivessi, in fin dei conti, in uno stato di catalessi profonda, di asfissia quotidiana, di delirante inconsapevolezza, no dico: perchè anziché essere felice di questa mia partenza, la soffro? Perchè io, la mia vita siamo così poco, perchè siamo questo? E perchè mi illudo che scappando da qualche parte per qualche tempo io, la mia vita, il mio modo di calpestare me stesso, possano cambiare con qualche giorno lontano da… da cosa? Io, in fin dei conti, parto con me… mica mi posso liberare da questa zavorra! Eccheccazzo! La mia zavorra sono io!! E perchè io sono nato per essere zavorra? Dov’è che manco nei confronti di me stesso? E’ il non- coraggio? L’incoerenza? Perchè tanta insoddisfazione dieci minuti prima di prendere un aereo, mi chiedo? Perchè so che dovrò tornare? E se invece decidessi di non tornare più? Ah, sarebbe meraviglioso! Non tornare, non tornare più a nulla, ma cercare sempre altro, cercare oltre, vedere che c’è dopo, senza paura, senza ansie inutili… sarebbe meraviglioso! meraviglioso…

 

Giulio

Annunci
Eccheccazzo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...