A seguito dei dovuti accertamenti…

Dovendomi accertare, preferisco quelli dalla fuga facile, quelli che denotano chiari sintomi di follia per nulla latente.
Dovendomi accertare preferisco specchi che corrono, limiti di guizzi scapestrati e cornici di intenzioni incompiute e quindi, senza dubbio, da compiere.
Dovendomi accertare, visto che ne ho facoltà e responsabilità e checazzo ne so io, preferisco le lanterne rosse appese ai rami alti, preferibilmente nelle notti gelide, a colorare un po’ le stellate accese.
Dovendomi accertare preferisco sondare sorrisi smaliziati e contorni di coreografie spontanee, magari a sfondo verde, ma anche no e, se proprio devo accertarmi oltre, preferisco i balzi delle volpi a muso basso sulla neve, che sanno di gioco e invece, in confidenza, gioco non sono.
Dovendomi accertare, preferisco essere certa dell’insondabile, terribile gioia di non comprendere assolutamente nulla, del razionale accertabile.
In buona sostanza, del dovermene accertare me ne frego, ma del volerlo vivere me ne occupo, in prima persona, tra l’altro.

Annunci
A seguito dei dovuti accertamenti…

24 pensieri su “A seguito dei dovuti accertamenti…

  1. Ho letto questo post solo perchè ho confuso quel “guizzi” con “Guzzi”, che sarebbe la marca della mia moto. Dovendomi accertare se tu fossi un fratello guzzista, ho dovuto andare a fondo anche dopo aver scoperto lo sconfusionamento. E nell’accertare un cazzo, ho accertato altro, che sono tra i tuoi link…la morale? Che ne so, mica mi chiamo Esopo….

        1. Sul saperla dare, una raggione sto un po’ perplessa; ho le raggioni perplesse insomma. Ma l’importante è avercele, che son come i sani principi, no? Sì? Sì!
          Mi fa piacere che ti fissi sul mio blog.

          1. EH NO, CAKKIUS KLAIS, come disse Micky Tyson Mouse, EH NO, KAKKIUS KLAIS, questo è un fraintendimento di fonTo di tante donne, tante tante tonne, tonte, il fatto che l’importante sia avercela regardless of darla, mia darling…EH NO, kakkius klais….

  2. blogandrealiberati ha detto:

    per fortuna non c’è solo il dovere, ma il senso di gabbie nascoste e ben sigillate che trasuda negli spazi bianchi fra le parole, potrebbe ferire molto se non fosse che a molte di esse ci siamo affezionati, tipo “la libertà a tutti i costi ” o il “lascia che sia così” … bel post, un po’ grunge ma sincero.
    Andrea

      1. blogandrealiberati ha detto:

        dal punto di vista del significato della parola inglese letteralmente significa “sporco – sudicio” ma, ATTENZIONE! non è con questo significato letterale che io lo intendo usare per tuo post con vibrazioni poetiche. Grunge è uno stile musicale e per estensione anche estetico, ma anche interiore. E’ un modo di sentirsi trascurato … Insomma era un complimento che convergeva verso una sensazione che si può ricollegare alle sue caratteristiche, quindi non voleva essere ne offensivo tanto meno riduttivo, anzi … se ti interessa sapere di più il grunge: http://it.wikipedia.org/wiki/Grunge
        Ciao! 🙂
        Andrea

        1. Caspita Andrea! Nessuno mi ha mia fatto un complimento così circostanziato e te ne sono grata, profondamente, giuro! E assolutamente mi sento onoratissima! E non lo sapevo di aver scritto tutta sta roba nelle cose che ho scritto… quasi, quasi mi faccio soggezione. 😦 (scherzo! 🙂 e grazie! Vado a vedè che c’è su wiki a tal proposito)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...