Impasto colore con la saliva… e non schifatevi; c’è chi fa di peggio.

Ci sono questi momenti, no? Questi momenti che sanno di piume morbide dove affondarci le dita, che sanno di tenerezza e di ricordi che galleggiano un po’ ovunque, quando lasci che la mente se ne vada un po’ alla deriva.
Eh beh… ti ci affezioni a questi momenti e vorresti non se ne andassero, perchè ti nascono così e li vorresti tenere e preservare dal tempo, dallo scorrere lento che ti dimentica.
Basterebbe raccoglierne la polvere di colore che spandono e impastarla con la saliva, forse, e poi farne delle piccole palline di colore e metterle in riga come collanine da appendere ai rami secchi dei faggi in attesa.
Basterebbe lasciarle lì a dondolare al vento, per poterle riprendere e rivivere quando la luce salirà ancora, quando si ritornerà a danzare con se stessi, a sorridersi un po’, come adesso.

Annunci
Impasto colore con la saliva… e non schifatevi; c’è chi fa di peggio.

30 pensieri su “Impasto colore con la saliva… e non schifatevi; c’è chi fa di peggio.

      1. Anche a me “torvo” non dispiaceva; è che si ha sta mania di autocorreggersi che… pazienza. Tutte le robe che fanno un po’ impressione lasciano il segno (basti vedere chi ha governato il nostro paese negli ultimi vent’anni). Questo post non lascerà il segno, ne son consapevole, ma io mi accontento che faccia impressione.

            1. No. Mi conquisti facile sulla politica che vuoi che ti dica? Poi tranquilla, sono il solito stronzo… masticone ha i suoi motivi per masticare a modo suo, ma glielo lascio 🙂

              1. certo che li ha… mi son sempre chiesta se deve espiare qualcosa o se non ha peccato abbastanza da dover espiare qualcosa e ci sta provando con tutte le sue forze. E per me ci riesce benissimo, qualunque sia il motivo. Tuttavia non sta bene parlare di chi non sente; però può sempre leggere, no? Questo è luogo pubblico e se si parla di qualcuno vuol dire che quel qualcuno è famosissimo e quindi dovrebbe compiacersi. Spero si compiaccia.

                1. si compiace di certo, e poi anche lui ha fatto lo stesso con me… abbiamo un rapporto particolare, lo gonfierei di botte e poi gli pagherei da bere, a masticozzo

                  1. è una deformazione da bloggher, questa di amarsi odiandosi, o di odiarsi amandosi. Son dinamiche complesse, affascinanti, anche… direi. Voi, poi, siete addirittura avvincenti. Non si capisce mai chi è la spalla. Una vera lotta.

  1. Affascinato dai percorsi fantasiosi della tua mente, sempre coloratissimi, sempre ampi ed imprevedibili. Ricordi che si fanno polvere di colore, la saliva per plasmarli in perle colorate che diventano collane che colorano austeri filari di alberi in attesa della stagione bella. Ed io lettore rimango a bocca aperta ad osservare le tue costruzioni stagliarsi nel cielo coloratissime, rapito.

    1. …no, ma è un’idea. Il punto è che mi sa che sarebbe poco originale, perchè sai quanti già lo fanno? Basta guardarsi attorno quando si sta fermi ai semafori: la gente pensa, ricorda e scaccola. Tu, ad esempio; dì la verità: alla saliva preferiresti le caccole, vero?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...