Smettere…

C’era una volta uno che continuava a dire che avrebbe smesso quando voleva. E non smise mai.

Annunci
Smettere…

25 pensieri su “Smettere…

    1. …o forse non ce la faceva e allora diceva che se avesse voluto avrebbe smesso. Perché quando senti che devi fare per forza una cosa poi ti incazzi un po’ e ti spaventi. E se ti dici che non è vero che devi farlo per forza, ma intanto invece devi, allora per un po’ hai meno paura. E invece poi non ha smesso perché non poteva e è morto. E allora sì, poi ha smesso.

        1. eh, sì… è morto prima di smettere… ma non so se lui pensava che ne fosse valsa la pena, di non smettere, intendo. Boh, ormai è morto e non glielo posso più chiedere.

    1. … eh non lo so, Ariel… bisognerebbe poterlo chiedere a lui, ma è un po’ tardi. Comunque, io che lo conoscevo, so che ci aveva provato a smettere, ma poi mi aveva detto che non gli era piaciuto granché e ha continuato.

        1. …sì, forse… quello che mi chiedo io in casi come questo è se vale la pena accorciarsi l’esistenza (ammesso che la durata delle nostre esistenze dipenda in casi come questo dal nostro scegliere se smettere o meno…) in nome di un qualche cosa che per un breve periodo di tempo fa stare bene… Cioè, mi sa che solo lui lo può sapere, questo.

          1. Io credo che chi fa ciò si convince di non poter fare a meno di farlo si crea degl alibi per star meglio per continuare.sono dipendenze qualsiasi nome specifico possano avere in aggiunta.sai e’ buffo ..io lo posso capire perché sono un ex anoressica e di dipendenze me ne intendo.cmq spero sia stato brevemente felice.😊

            1. Credo di sì, Ariel, lui è stato anche felice, perché era un artista e sapeva creare cose molto belle, e mentre creava diceva che a lui riempivano un po’ il vuoto di esistere, forse… anche se evidentemente non gli è bastato. Il cibo… sì, un bel problema… un bel problema… Il fatto che tu abbia saputo uscirne ti rende ancor più forte e bella ai miei occhi!

              1. Liberarsi dalle proprie prigioni e’ sempre difficile ma molto gratificante. Peccato perdere un artista dotato davvero lui e’ rimasto dentro la sua gabbia anche se molto decorata .. Gia’. Chissà ..buonanotte cara 😊

    1. A volte si fanno còse perché le circostanze ci portano a farle. NOn sto facendo un discorso legato alla responsabilità; sto solo dicendo che c’è sempre un motivo, un perché, uno o più interrutori che scattano portandoci a essere come siamo. Non sempre ci piaciamo e quando accade che non ci andiamo a genio, presumo sia perché facciamo cose che non ci somigliano… però le facciamo lo stesso. Ora, la cosa che un po’ mi irrita è questa lotta di facciata che tocca mettere in campo per giustificare quello che siamo agli occhi di chi ci guarda.Non fare o fare qualche cosa solo perché qualcuno che non siamo noi ci dice che dobbiamo fare o non fare… ecco, questo un po’ mi scazza. Però non so se una dipendenza può essere una buona idea per uscire da questo circolo vizioso; voglio dire, mettersi a consolare se stessi per una situazione che non ci piace, non significa infognarsi in altre situazioni che ci piaceranno ancora meno solo in virtù di un breve momento di sollievo. Ecco, mi son dilungata e non volevo… me lo devo togliere sto vizio di scrivere, forse, prima o poi… è che lo trovo consolatorio, Trame, sai com’è.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...