Che ne sanno…

Che ne sanno questi delle stuoie distese a far passare il sole fra le trame, delle papille imbevute di liquori dolciastri e peccaminosi, sobri, secchi, anestetizzanti? Ne sanno niente.

E di quando le gonne si appiccicano alle ginocchia fredde e alle anime piatte e oppresse da nubi pesanti e dello scrosciare di pioggie e acque sporche, grigie, maleodoranti e catramose; che ne sanno?! Niente. Non ne sanno niente.

E delle pelli grosse e ruvide e della smania di incidere, di lasciare un segno e di non morire subito, ma almeno dopo un po’, dopo un po’ ancora; non ne sanno niente di tutto questo, questi! Ma proprio niente!

E di quando gli applausi sono spinti e recitati, finti, soverchianti e le risa fuoriescono come bestemmie da fauci spalancate di demenza, famelici, scoppi di denti e grinfie fasulle, fetore di sputacchi e liquidi osceni, rigurgiti gastrici, crepe d’ossa e suoni di morte putrida. Non ne sanno una benemerita gli imbevuti d’ipocrisia, gli innaffiati di succo rancido di perbenismo tronfio. Non ne sanno niente! Niente!

Maschere di bontà impacchettate con carte oleate da pesce da banco marcio, farabutti imbellettati e cravatte strette a contenere merda. Ne sanno niente, niente, questi!!! L’ignoranza delle teste morte!

Annunci
Che ne sanno…

16 pensieri su “Che ne sanno…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...